Passa ai contenuti principali

Assicurazioni. ANIA dichiara utili stratosferici e minimi ribassi... MO' BAST!

#cartadibologna, la presentazione ufficiale del 9 Aprile 2014, Roma.

EDIT: Il convegno è stato spostato ufficialmente al 14 Marzo.
---

Il 9 aprile i membri del movimento contro il decreto RCAuto che avevano partorito la #CartaDiBologna, portarono all'attenzione dei parlamentari presenti una bozza di riforma della RCAuto che privilegiasse i diritti del cittadino in nome di principi fondamentali quali Libertà, Trasparenza e Concorrenza.


Cittadino tutelato sia come assicurato che come danneggiato.


Pochi giorni dopo Elena Bove scrisse un bellissimo articolo intitolato "La #cartadibologna traccia la mappa dei diritti."... in quanto il cittadino, sia in veste di assicurato che in quella di danneggiato, trova piena tutela nei 13 punti della #cartadibologna

Rinunciare ai diritti....

Sfortunatamente, però, il 18 Ottobre 2014, in un convegno di Federcarrozzieri a Roma, ebbi modo di sentire l'intervento dell'avv. Settimio Catalisano, UNARCA-OUA, il quale candidamente raccontò che un giudice pubblicamente gli disse: "... ma in momenti come questo bisogna pur rinunciare ad alcuni diritti....".
Ecco ! Un brivido mi pervase il corpo...

Il segno del destino: "I diritti non sono un lusso..."

Mi chiesi come fosse possibile che un Giudice, pur se non togato, potesse parlare in tal senso, potesse acconsentire alla negazione dei diritti sanciti in primis dalla Costituzione Italiana oltre che dalle Leggi...
Poi, quasi fosse un segno del destino, dopo solo due giorni ebbi modo di leggere su Repubblica un articolo bellissimo firmato da Stefano Rodotà dal titolo: "Perché i diritti non sono un lusso in tempo di crisi.".

Il destino lo costruiamo noi! "Serve un fronte comune"...

Sulla scorta di quanto accadeva diedi una mano a Luigi Mercurio per l'organizzazione di un convegno Federcarrozzieri a Benevento, dal nome "Allarme rosso Rca, agguato alla libertà di scelta: serve un fronte comune".

DDL concorrenza ? Non ci resta che combattere

Il pensiero di non piegarsi allo strapotere assicurativo ed ad un Governo miope che riproponeva sotto forma di decreto le idee mutuate dallo stralciato art.8 precedente decreto "Destinazione Italia" ha rafforzato il fronte comune, alzato l'attenzione tra le associazioni mobilitate tanto da esser pronti a riproporre la mobilitazione di Bologna dell'11 Gennaio 2014.

Utili stratosferici ANIA. Silenzio STRISCIAnte !

Nel contempo siamo riusciti a piazzare un colpo inaspettato riuscendo a far sapere sui media nazionali la reale portata degli utili dell'ANIA, (1.825 Mld nel 2012, 2.425 Mld nel 2013 e forse 3.5 Mld nel 2014) che invece di abbassare i premi delle polizze chiede al Governo di abbassare i risarcimenti ai cittadini...

Inizieremo stavolta da Napoli, al grido di MO'BAST!

L'associazione MO'BAST!, insieme ad ASSOUTENTI e con il significativo apporto economico del CUPSIT e di FEDERCARROZZIERI, sta preparando per Sabato 14 Marzo un convegno a Napoli, vertendo sul tema: "#RCAuto, un mercato senza concorrenza? Consumatori, autorità di controllo, diritti: proposte e progetti di riforma".

Vogliamo la #cartadibologna... in #RCAuto: piena #Concorrenza, maggiore #Trasparenza e più #Diritti.

Commenti

Post popolari in questo blog

#RCAuto. Gli onorari di patrocinio di una carrozzeria cessionaria.

Incidente stradale.... rivolgiti ai professionisti del risarcimento del danno.

Articolo ripreso dal blog di Luigi Mercurio, mio caro e stimato amico (fonte).
Primo passo – Il modello CAILa compilazione del modello CAI è il primo momento fondamentale dopo un sinistro stradale. L’utilizzo corretto del CAI (per esteso: modello di Constatazione Amichevole di Incidente) può valere sia quale denuncia di sinistro alla propria Compagnia, ai sensi dell’art. 143 del decreto legislativo 209/2005, sia quale conciliazione tra le parti coinvolte nell’evento. La compilazione del modello è comunque un’attività delicata e si deve procedere preferibilmente con l’assistenza di un esperto in quanto l’erronea compilazione può produrre effetti pregiudizievoli nei confronti del danneggiato. Il modello CAI deve essere compilato in tutte le sue parti. Sono individuabili 4 sezioni. Una centrale nella quale occorre indicare data, luogo del sinistro e modalità dello stesso, con barratura delle ipotesi indicate ed eventuale riproduzione con disegno della dinamica del sinistro. Nelle altre du…